Andare oltre l’apparenza

Scrive Plotino (in greco Πλωτῖνος, nato a Licopoli in Egitto nel 204 o 205 d.C.) che “la coscienza umana è sottoposta a continui stimoli che la educano poco alla volta e spontaneamente a percepire la bellezza dell’universo… E’ necessario che un’anima sia capace di contemplarle: coloro che la vedono provano gioia, stupore, commozione… perché essi toccano delle realtà. Queste sono infatti le emozioni che devono seguire al contatto di ciò che è bello: lo stupore, la meraviglia gioiosa, il desiderio, l’amore e lo spavento accompagnato da piacere.”
Per Plotino è necessario andare oltre l’apparenza. E’ vero che i nostri sensi ci offrono ogni volta mille cose e mille loro faccettature capaci di suscitare il nostro interesse, ma non possiamo affidarci del tutto a loro perché finiremo per perderci nel particolare. Si coglierebbe l’epidermide della realtà e non il suo lato nascosto, la sua unità.

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: