Il sospetto e la diffidenza

La morale comune del nostro tempo nasconde diverse crepe, anche quando spicca il valore del lavoro e del sacrificio per cui ogni cosa che costa fatica viene ritenuta giusta e legittima a priori.
Morale oggi è rispetto della legalità non tanto per il valore civico o sociale, ma per paura della giustizia.
Intanto però non ci fidiamo più l’uno dell’altro e vediamo agguati dappertutto. Il sospetto è ormai radicato nei rapporti col prossimo e il terrore di essere ingannati ha preso il sopravvento sugli istinti di solidarietà che, malgrado tutto, ci portiamo dentro.
Il sospetto (diceva Giovanni Falcone che il sospetto è “l’anticamera della calunnia”) e la diffidenza verso tutto ciò che è al di fuori dalla nostra “normalità” (forse il nostro stile di vita è l’unico possibile solo perchè non abbiamo la capacità di vedere oltre..) sono entrati in modo prepotente a far parte della nostra vita quotidiana. E in politica, dove sospetto e diffidenza sono di casa, è più facile (e comodo) ottenere consensi con l’esclusione e la paura piuttosto che con l’accoglienza, la partecipazione e la solidarietà…

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: