Incontrare il mistero

“Il vero mistero del mondo è il visibile, non l’invisibile”, scriveva Oscar Wilde.
Il mistero può rendersi visibile in una donna che è tranquillamente intenta a cure domestiche e che sente una istantanea, fulminea preoccupazione nei confronti del marito e, inspiegabilmente, ha la certezza che sta correndo un grave pericolo.
Il mistero si manifesta in persone che hanno percepito, “udito” e “visto” eventi di cui non potevano sapere niente, ma di cui, nel giro di pochissimo tempo, hanno ricevuto la conferma: un incidente d’auto o una crisi respiratoria che si sono annunciati loro attraverso canali di informazione sconosciuti, dei quali però i protagonisti degli episodi descritti sono più che certi. Piccole storie di strani “avvisi”, sentiti spesso raccontare e quasi sempre ascoltati come curiosi aneddoti…

«Nell’esatto istante in cui avevo deciso di farla finita con la vita» riferisce un paziente al suo psicoanalista «sussultai per lo squillo del telefono. Fui scosso nello scoprire che era un vecchio conoscente, di cui quasi non ricordavo il nome, il quale mi diceva che aveva sentito l’impulso di chiamarmi. Mi trattenne più di un’ora su argomenti che non saprei ridire, ma la conversazione mi distrasse dal mio intento.» Una casualità? Può darsi, ma quello che un po’ osta alla sbrigativa giustificazione della benefica telefonata è la spinta senza movente che l’ha suggerita, nonché l’adesione a essa da parte di un soggetto pressoché estraneo e divenuto strumento quanto mai propizio all’occorrenza.

Fulvia Cariglia in Incontrare il mistero non intende affrontare il tema del mistero in quanto tale, ma ci racconta piuttosto delle storie di vita che lo hanno incontrato, coincidenze troppo eccezionali per essere definite casuali. Incontrare il mistero racconta anche di persone dotate di rari poteri extrasensoriali e di episodi che hanno fatto chiacchierare il mondo dei media e lasciato nella perplessità quello della scienza ortodossa. Un caso su tutti è quello della sensitiva Pasqualina Pezzola, recentemente scomparsa, una semplice donna della campagna marchigiana che ha acquisito notorietà a livello internazionale per quella sua naturale “arte” di poter vedere all’interno di “corpi opachi”.


Fulvia Cariglia

Incontrare il mistero
Collana nuovi misteri
Oscar Mondadori
2012

Tag: ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: