Vita

“Vita” è una parola plurale. Se non in senso strettamente morfologico, certo nella sua capienza, nella natura inclusiva, in ciò che essa contiene. Sotto un singolare femminile, l’italiano racchiude sensi e direzioni diverse. Solo un confronto ravvicinato con la parola può dar conto della sua multiformità, che è anche indicazione di sostanze molto diverse fra loro. “Vita” è un singolare solo apparente. Infatti, altrove non lo è.
“Condizione di ciò che vive, proprietà essenziale degli organismi viventi, in quanto nascono, crescono, si riproducono e muoiono (e anche il principio vitale considerato in se stesso).”
“Modo di vivere di una persona, di trascorrere un determinato periodo in relazione alle diverse circostanze di ordine etico, economico, professionale, sociale, affettivo, spirituale, intellettuale o, anche, agli aspetti esteriori pratici che possono essere presi in considerazione.”
“(per estens.) Vitalità del pensiero; intensità, fervore di un sentimento; energia spirituale o intellettuale; forza d’animo.”
“Forza universale che impregna di se e anima il mondo naturale o spirituale. ”
“Forza, efficacia stilistica, di espressione; incisività; icasticità di un’opera letteraria o artistica, di un linguaggio.”

Dice un proverbio cinese: “dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno. Insegnagli a pescare e lo nutrirai per tutta la vita”. “La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro. Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare”, scrive Schopenhauer. “La vita ai miei occhi è solo qualcosa su cui provare la forza dell’anima”, ci ricorda il poeta Robert Browning.
La parola “vita” esprime tanti significati e accezioni. Il femminile singolare italiano indica tutta la sua portata e la sua capacità di accogliere in sé il plurale. E’ un singolare apparente, manifesto e illusorio allo stesso tempo.
“Il plurale che la vita contiene, in quanto parola e determinazione, è cifra di indeterminatezza oltre che di varietà. La vita è una parola plurale perché non c’è modo di definirla se non imboccando vie diverse, divergenti. Non tanto nei suoi gradi, dall’ameba in su nella moltiplicazione e in giù nel tempo che ci vuole perché la vita si complichi. Vita significa già di per sé una serie di azioni diverse, inafferrabili come unità e fors’anche in reciproca contraddizione. Un insieme incongruo di nascere, nutrirsi, riprodursi e morire. Solo chi vive, muore. Anche questo è un assurdo, cioè qualcosa di indefinibile e che comprendiamo solo per rassegnazione, senza vero convincimento.”

Elena Loewenthal, Vita,  Raffaello Cortina, collana Moralia, 2012.

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: