I principi spirituali della vita

salti quanticiLa meccanica quantistica è il ramo della fisica che si occupa dell’infinitamente piccolo. Gli elementi fondamentali  che compongono la materia sono costituiti da piccolissimi concentrati di energia detti quanti,  che  hanno una duplice natura: ondulatoria e corpuscolare.
Diceva Niels Bohr, il “danese d’oro” della fisica quantistica, che “i concetti di corpuscolo e di onda sono ben definiti solamente in fisica classica, nel cui ambito ovviamente luce ed elettroni sono, rispettivamente, onde elettromagnetiche e corpuscoli materiali”.
La fisica quantistica può anche essere definita la scienza che prova a comprendere e spiegare i principi spirituali della vita.
Scrive Fritjof Capra che “la meccanica quantistica ci costringe a vedere l’universo non come una collezione di oggetti fisici separati, bensì come una complicata rete di relazioni tra le varie parti di un tutto unificato”.
La teoria quantistica deriva il proprio nome dal concetto di quanto, introdotto da Planck nel 1900 e ripreso da Einstein nel 1905. La teoria della meccanica quantistica fu essenzialmente completata intorno al 1930, ma l’argomento è a tutt’oggi controverso.
Per merito della meccanica quantistica avviene un cambiamento radicale e profondo del paradigma scientifico, un cambiamento di portata storica, epocale.
La scopo del libro di Jeremy Bernstein, fisico e giornalista americano, è offrire un resoconto di questo mutamento culturale. Gli argomenti sono diversi fra loro e c’è anche una buona dose di autobiografia e racconto.
I fenomeni quantistici pongono di continuo sfide alla logica e al senso comune e Bernstein prova proprio a spiegarci concetti teorici in modo diretto senza far uso della matematica. E intrecciando amabili aneddoti sui suoi grandi protagonisti, analizza i vari fenomeni culturali che ruotano intorno alla meccanica dei quanti dissolvendo anche diversi luoghi comuni e puntualizzando concetti chiave che spesso vengono fraintesi.

Jeremy Bernstein, Salti quantici, traduzione di Franco Ligabue, Adelphi, 2013.

Tag: , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: